10 cose che non fai più usando la tecnologia

Curiosando sul web ho letto questo interessante articolo tratto dal sito Focus.it

Indubbiamente la tecnologia ha cambiato il nostro stile di vita e tante azioni che rientravano nella nostra quotidianità ormai sono sorpassate e alcune già dimenticate.  Probabilmente i teenagers di oggi non sanno neppure di cosa stiamo parlando.

Ma vediamo chi di voi ha una buona memoria

Continua a leggere “10 cose che non fai più usando la tecnologia”

Giornali e televisioni dal mondo

Quanto buon materiale dal Web!

In queste settimane di isolamento fioccano consigli e suggerimenti per trascorrere il tempo in maniera divertente e costruttiva.

In un mio precedente articolo, in tempi non sospetti, vi avevo suggerito un sito veramente molto interessante col quale  visitare luoghi, musei, cataloghi fotografici e scoprire spunti interessanti per la nostra cultura: Google Art and Culture .

Continuo a pensare che questo portale di casa Google sia uno dei più completi ed esaustivi nel panorama web della cultura e che vi terrà occupati per giorni e giorni.

Se invece siete interessati al mondo dell’informazione, vi vorrei suggerire un sito che io visito spesso quando voglio leggere quotidiani regionali, nazionali e internazionali e quando voglio guardare televisioni o ascoltare radio italiane e straniere. Continua a leggere “Giornali e televisioni dal mondo”

Rompiscatole

Mi piacciono le buone maniere

Quando racconto che ho avuto un battibecco con un’impiegata scortese dell’ufficio postale, al telefono con un interlocutore cafone, con un automobilista che ha fermato l’auto proprio sulle strisce pedonali…i miei familiari fanno tutti un sorrisetto come a dire: te pareva!

Ho imparato presto, anche a mie spese, a gestire la timidezza, ho capito che non bisogna aver timori reverenziali nei confronti di nessuno, soprattutto se questo nessuno è maleducato. C’è sempre qualcuno che approfitta dell’insicurezza altrui, che scambia la cortesia per assenso. In alcune occasioni “ho fatto la scema per non andare in guerra”, perché bisogna saper aspettare, far decantare, per poi comprendere se val la pena puntualizzare o se è ancor meglio lasciare andare. Continua a leggere “Rompiscatole”

Hai letto il messaggio?

Quanto ci sentiamo spontanei?

Non mi riferisco a ciò che scriviamo o leggiamo nel web, ma alla comunicazione nella sfera privata. Se è vero, è per me lo è, che il telefono di casa e poi negli anni a seguire lo smartphone hanno annullato le distanze e il tempo, è anche vero che sono aumentati i problemi che riguardano la privacy.

Utilizzo ogni giorno whatsapp perché mi permette di inviare messaggi ovunque, anche vocali se ho le mani impegnate o se sono di corsa, camminando velocemente farei stragi con il t9! Per non parlare poi delle immagini e dei video che posso scambiare con le amiche lontane e soprattutto con la figlia che si trova in un altro continente. Tutto bello, divertente e alla portata di tutti, caratteristica per nulla trascurabile!

Continua a leggere “Hai letto il messaggio?”

Specchiarsi come Grimilde

Non voglio arrendermi a ciò che sento e leggo.

Manchiamo di responsabilità nel comunicare tramite la Rete. Dovremmo tutti rispettare delle regole, anzi dovrebbero ormai essere scolpite dentro di noi, assimilate dal nostro organismo, fissate nella mente.

Abbiamo la possibilità di conoscere, di condividere informazioni, di ascoltare parole di chi può aprire i nostri orizzonti, invece riteniamo che ogni nostra opinione debba essere inconfutabile.

Provochiamo e odiamo, non abbiamo remore nell’utilizzare un linguaggio eccessivo e offensivo.

Siamo lo specchio di una società che critichiamo, siamo noi quella società.

Secondo un’antica credenza rompere uno specchio presagisce anni di sventure, se continueremo a rimirarci come la regina Grimilde, rischiamo di illuderci di vedere il bello dove non c’è più, diventeremo sempre più brutti e cattivi…nonostante lo specchio intatto.

Non dimentichiamo Silvia

Scorrendo le pagine di un social leggo questi commenti: “Oca giuliva

Verginella

Se l’è andata a cercare

Poteva aiutare gli italiani

Si deve far firmare una liberatoria

Che non si paghi il riscatto con i nostri soldi”

Evito di ripetere quelle che istigano e auspicano uno stupro.

Queste frasi vomitate nel web sommergono il senso di appartenenza, la solidarietà, la stima per chi ha la capacità di dare forma al desiderio di rendersi utile e di poter aiutare quella parte di mondo abbandonata e sfruttata.

Istintivamente vorrei rispondere a tutti, poi mi dico che non ne vale la pena. Ha valore il parere di chi stimo, tutto il resto ha per me soltanto il suono del gorgoglio dell’acqua dello scarico del water.