La cucina della nonna – parte 1

Dieta “quasi” mediterranea

Amavo trascorrere l’estate dalla nonna per il piacere di vivere in completa libertà, ma anche per il piacere di mangiare cibi che normalmente o non erano previsti in casa mia o che cucinati dalla nonna acquistavano un altro gusto.

La mia vacanza iniziava il lunedì mattina, quando si andava al mercato. Come mi divertiva passeggiare tra le bancarelle aiutando mia nonna con la spesa! Continua a leggere “La cucina della nonna – parte 1”

Procida, ricordi e Marina

A volte basta un film

È una giornata molto calda. Marina ha deciso di prendere il traghetto per recarsi in un’altra isola nel golfo di Napoli: Procida, o come lei ama chiamarla, “L’isola di Arturo”, dal romanzo di Elsa Morante.

Procida, più piccola, meno famosa e turistica di Capri e Ischia, conserva un fascino di altri tempi. Il borgo antico di pescatori Marina di Corricella con la sua particolare architettura costituita da archi, scale, balconi e finestre, porte, gradinate, case dipinte in vari colori e la banchina e infine il mare, creano un’armonia unica e suggestiva.

Marina ha percorso le ripide stradine, si è rinfrescata bagnandosi nell’acqua che lambiva la piccola spiaggia fino ad arrivare davanti al locale nel quale hanno girato alcune scene de “Il Postino”, con l’indimenticabile Massimo Troisi.

Procida è stata set di film con attori famosi quali Sophia Loren, Giancarlo Giannini, Matt Damon. Questo però è particolarmente caro a Marina. La giornata estiva è allegra e luminosa, i tavoli sono occupati da molti turisti di varie nazionalità. Un momento di malinconia attraversa anche il sole. Ci sono persone che non avremo mai occasione di conoscere personalmente, eppure sono state presenti perché ci hanno accompagnate inconsapevolmente. Ci hanno regalato un sorriso e a volte una lacrima. Sono state con noi. Hanno vissuto più vite, la loro, quella privata…e tante altre. Ora che non ci sono più, ne sentiamo la mancanza, il rammarico per quello che ancora avrebbero potuto regalarci, ma è stata tolta loro l’occasione. E anche a noi!

Questo film a lei aveva regalato la poesia.

È quasi ora di ripartire, una passeggiata verso la Marina Grande, verso il traghetto che sta arrivando. Marina riparte senza bagagli, ma con un ricordo malinconico e dolce nel cuore, perché sono i ricordi più teneri a farci anche un po’ male.

La forza delle illusioni

Dobbiamo continuare a illuderci nel desiderare un mondo migliore, perché forse sarà proprio la forza delle illusioni di ieri e di oggi a diventare la certezza di un futuro migliore.

La scultura in copertina è del sud coreano Seo, è tratta dalla serie Meditation ed esposta vicino al belvedere di Capri. Per le sue opere l’artista utilizza catene di acciaio inossidabile di macchinari industriali e biciclette.

Buon Ferragosto a tutti

Sull’onda dei ricordi rieccomi a casa della nonna

Per la nostra famiglia il 15 d’agosto non segnava l’apice dell’estate o l’apoteosi di vacanze da sogno, ma “la festa d’la Madona” (la festa della Madonna).

Mia nonna si alzava presto per preparare il pranzo nella convinzione, non sempre indovinata, che tutti i figli si sarebbero presentati per la grande festa. Continua a leggere “Buon Ferragosto a tutti”

Un’estate bollente

Hanno detto che lo scorso mese di luglio è stato il più caldo dalla notte dei tempi. Ilaria Corona ci spiega come combatte gli inevitabili disagi…

Ci hanno avvisati da una settimana che sarebbe arrivato l’anticiclone africano Ugolino, ma io mica l’avevo capito che avrebbe alloggiato a casa mia.

Questa mattina alle 6.00 mi son svegliata, il busto si è alzato perpendicolare alle gambe e la testa ha ruotato di 180 gradi verso mio marito.

– “Che c’è? Perché l’armadio scricchiola?”

– “Non è l’armadio è il mio collo. Perché hai chiuso la finestra? Non respiro” Continua a leggere “Un’estate bollente”

Una passeggiata nei Giardini della Reggia di Venaria

Il connubio tra passato e presente.

Marina Grey si è regalata un pomeriggio ai giardini della Reggia di Venaria. Residenza Sabauda a circa dieci chilometri da Torino, gioiello barocco Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Continua a leggere “Una passeggiata nei Giardini della Reggia di Venaria”

Ricordi d’estate

Le vacanze dalla nonna

Vi ho già parlato di quella nonna che per non fare partire il figlio tra i partigiani lo tramortì con uno zoccolo. Bene quella nonna guerriera aveva un punto debole: io! Mia nonna mi adorava: ero la prima nipote femmina ed ero “coccolosa”.

Tutte le estati, finite la scuola partivo per un paio di settimane tra le colline astigiane e per me che abitavo in città, era una festa.

Come me anche tanti bambini, figli di amici di mio padre che erano andati a vivere tra Torino e Genova, venivano mandati dalla nonna per passare l’estate.

Continua a leggere “Ricordi d’estate”

Isola

Come l’estate scorsa, in partenza verso nuove avventure!

Prima o poi sentiamo nascere in noi il desiderio di staccare da ciò che costituisce la nostra vita, cerchiamo luoghi lontani che mettano chilometri tra noi e la nostra quotidianità.

Io amo le isole, mi piace sentire che tra me e la terraferma c’è dell’acqua, molta acqua in perenne movimento, movimento che mi avvicina e mi allontana fisicamente e soprattutto mentalmente da tutto.

Continua a leggere “Isola”

Appocundria

Mentre sbrigo le mie faccende quotidiane in solitaria, tra bucato da stendere e indumenti da stirare, la musica mi fa spesso compagnia.

Mi piace crogiolarmi nei suoni legati ai miei ricordi adolescenziali, quando consumavo cassette e dischi in vinile di Renato Zero, Pino Daniele e i Queen.

Allora Pino Daniele era il più adatto per struggermi per un amore non corrisposto, rimpiangere le vacanze ormai finite o affliggermi davanti agli esercizi di ragioneria. Dopo la sua prematura scomparsa, è colui che risveglia l’appocundria.

Continua a leggere “Appocundria”

Montagne

Un minuto solo mio.

Mi sdraio nell’erba, soddisfatta e accaldata dopo la ripida salita. Intorno a me solo il rumore della natura: il frinire degli insetti  nel verde, il vento tra le foglie e il lontano scrosciare del ruscello. Di fronte a me alte le montagne mi guardano severe e io mi sento padrona del mondo.