Moleskine Smart Set

Per non rinunciare al fascino della carta e alla comodità della tecnologia

So già che i puristi della scrittura a mano su carta, magari su Moleskine che conservano gelosamente impilate nelle proprie librerie, inorrideranno leggendo quanto segue.

Curiosando per il web ho trovato questo articolo

Continua a leggere “Moleskine Smart Set”

Ma quanti siamo?

Da quando ci siamo messe in testa che dovevamo fermare da qualche parte: nelle foto, su carta, nel web, tutto il mondo di cui parlavamo, io e la mia metà…che non è il mio compagno, ci siamo ritrovate a pensare, a provare, un mezzo di comunicazione che ci permettesse di trasmettere, di ricordare e di ampliare le nostre parole e soprattutto le nostre emozioni. A chi potrebbe interessare ciò che circola nella nostra testolina? Chi lo sa!

Forse sono gli anni e il tempo speso e il tempo che potremo ancora spendere che ci ha fatto sentire l’esigenza di lasciare un segno da qualche parte, a parte i figli che abbiamo regalato a questo pianeta…e non ce li riprendiamo indietro, ora vanno e faranno…

Come concretizzare questa esigenza che sentivamo costruttiva se fatta di pari passo, allo stesso ritmo, forti della grande confidenza che abbiamo e della complicità che ormai ci permette di capirci senza la necessità di particolari spiegazioni? Tuffandoci in questo mare, in questo spazio, come chiamarlo, io non riesco a dargli un’immagine, non so neanche bene come muovermi, esistono regole, abitudini, e problemi tecnici, non so quante volte ho fatto pasticci con salvataggi sbagliati, ovvero perdite di pensieri scritti, per non dire di password oscure che non ho mai più ricordato.

Così in due si galleggia e si nuota, ci si guarda intorno e si può tentare di vedere oltre.

Dopo tante prove ci siamo tuffate…in un mare affollato. Affollato di sogni, di racconti, ironici, allegri, malinconici, cazzuti…incomprensibili. Qui dentro ci siamo tutti: giovani e meno giovani, padri e madri che raccontano le loro storie, forse qualcuna anche inventata, ragazzi che viaggiano e che scoprono, gente che cucina e…gente che mangia.

Siamo tanti, vicini eppure lontani, con il sogno di arrivare a tutti o forse di continuare a parlare soltanto a noi stessi, perché se fermi un pensiero, poi lo ritroverai e con esso ci farai i conti.

Non pensavo ci fossero così tanti sogni nel mondo del web, tanti veri talenti o presunti talenti o talenti presuntuosi. Siamo un popolo che legge poco, ma forse scrive tanto. Troppo? Io che amo la carta dei libri, che litigo con il tablet se devo ingrandire i caratteri di scrittura altrimenti non leggo bene, mi ritrovo davanti ad un monitor a leggere le vite, le idee, la fantasia degli altri..
Cassandra

amiche-che-sorridono-esaminando-il-computer-portatile-23258317

Cara Cassandra, così come tu ti sei stupita di sentirmi proporre un ristorante Vegano (io, carnivora doc… mi dispiace ma questa affermazione ci farà perdere molti “segui”), anche io sono piacevolmente sorpresa dal tuo stupore: mi sembri un bambino che assaggia per la prima volta il gelato!!!

Io sapevo di questo mondo, lo conosco da prima (forse perché tendo a ricordare le password!), ma non sapevo come raggiungerlo, ci abbiamo provato via Facebook, ma non è il posto adatto per esprimerci come vogliamo.

Allora eccoci qui anche noi con il nostro blog che prende faticosamente forma, ma che comincia a darci tante soddisfazioni! E tu Cassandra in particolare stai cogliendo l’essenza di essere in rete, ti impegni molto più di me, e pubblichi, condividi, commenti e cerchi e i risultati stanno arrivando!

Per cui nuovi amici blogger sappiate che se io sono colei che materialmente dà vita a Menti Vagabonde, Cassandra è colei che ci mette l’entusiasmo e mi sprona in questa bellissima avventura. E’ bello dopo tanti anni (e sono tanti davvero) essere qui a condividere un’altra passione, e ultimamente capita spesso! Avere figli grandi ha i suoi vantaggi, si ritrovano complicità, entusiasmi e voglia di fare… l’amicizia no, quella c’è sempre stata!
Sibilla

 

Salva

Salva