Mani in pasta

Mai come in questo periodo ci controlliamo le mani

Mani che sono il prolungamento di noi e arrivano ovunque vogliamo arrivare. Ci danno la percezione di chi ci circonda perché una stretta di mano, una carezza o un fuggevole tocco, ci restituiscono la reazione di chi abbiamo cercato.

Con le mani abbiamo toccato il suolo e da lì ci siamo alzati quando ancora bambini non sapevamo dove avremmo voluto e potuto arrivare, tesi a toccare e a prendere ciò che ci circondava e ancora oltre, anche adesso.

Le mani fanno: indicano, prendono, modellano, creano, curano. Così nominate in questi giorni di pandemia, non possono del tutto assolvere al loro ruolo di contatto con gli altri.

Dobbiamo averne cura non soltanto con manicure e creme, abbiamo infatti bisogno di litri di acqua e sapone altrimenti il gesto più bello, una mano tesa, diventa il tramite di un pericolo invisibile. Continua a leggere “Mani in pasta”