Donne con le gonne

Il diritto di non essere uomo

Quando le donne parlano di uguaglianza tra i sessi, dovrebbero rivendicare gli stessi diritti e agli stessi doveri degli uomini, mantenendo il loro essere donna e non cercando di diventare uomo nel vero senso della parola. Invece mi rendo conto che ultimamente le cose stanno andando in questo senso.

Sembra che le donne vogliano acquisire tutti quei comportamenti che secoli e secoli di cattive abitudini e di cattive impostazioni hanno reso l’uomo quello che è oggi e soprattutto quello che è stato in passato. Continua a leggere “Donne con le gonne”

Trilogia del tempo – Passato

Il tempo è un ladro.

Io che fotografo immagini e volti con la mente, ricordo luoghi, situazioni ed affetti, avevo dimenticato in un cassetto un foglio, lo leggo, le parole sono scritte con pennarelli colorati, colori allegri che il tempo ha un po’ sbiadito. È una lettera d’amore scritta da una bimba ai propri genitori e a una sorella ancora molto piccola. Un misto di tenerezza e di nostalgia mi assale. Continua a leggere “Trilogia del tempo – Passato”

Il sugo della mamma di Marinella

Il potere della pasta

Da sempre convivo con il rimorso che mia madre se ne sia andata con il dispiacere di sapere che sua figlia preferiva il sugo al pomodoro della mamma di una  amica piuttosto del suo… avessi saputo avrei mentito… Va be’ cosa fatta capo ha!

Scherzi a parte, quando ieri Marinella mi hai proposto la pasta al sugo come lo fa la sua mamma, mi ha riportato a TOT anni fa quando, a volte, uscite di scuola andavo da lei e mi “scofanavo” un piatto extra large di penne con la “pummarola”… ed era buonissima, gustata senza rimorsi (il mio fisico da modella lo permetteva) e accompagnata spesso dal bis.

Continua a leggere “Il sugo della mamma di Marinella”

I bambini dimenticati

Credo di essere diventata troppo vecchia, sono da tanti anni una madre.

Il mio cuore ha tanti anni, è forte, ma sono troppo vecchia per vedere certe immagini.

È domenica sera – dopo il sabato frenetico tra commissioni e cena con gli amici, il passaggio all’ora legale, il pranzo cucinato per le mamme di casa – prendo possesso esclusivo del divano per guardare indolentemente un programma televisivo.

Passano immagini di bambini sotto le bombe, sotto le macerie…sotto tutto quello che la guerra comporta, sotterrati dalla nostra lontananza. Continua a leggere “I bambini dimenticati”

Pensiero d’amore

Una storia dolcissima

Un ultimo sguardo all’acconciatura, peccato che tua madre non voglia lasciarti truccare e allora non resta che pizzicarsi le guance per prendere un po’ di colore. Il tuo sguardo è felice: tra poco incontrerai le tue amiche e andrai sul ballo al palchetto godendoti questo sabato d’estate al paesino sulle colline dove trascorri qualche giorno lontano dalla città. E poi, con loro, potrai finalmente parlare di quel bel ragazzo che ti aspetta a casa, col quale, da qualche mese, condividi i primi batticuori e le farfalle nello stomaco. Ti senti grande, una donna, senti di amare ed essere amata, anche se tutti ti ripetono che hai solo quindici anni. Continua a leggere “Pensiero d’amore”

Ricordi televisivi

I film della gioventù

Ci sono momenti imprescindibili in ogni stagione. Certi sono talmente ripetuti negli anni che quasi non ci facciamo più caso. Ad esempio in estate, quando i palinsesti delle televisioni non hanno nulla di particolare da offrire (e direi per fortuna vista la pochezza di certa televisione invernale), mi ritrovo puntualmente a guardare l’ennesima replica de “La principessa Sissi”. Sicuramente qualcuno, con sguardo scettico, penserà che quanto a pochezza televisiva anche questi film non scherzano: mi rendo conto, ma se anche adesso non mi commuovo più di fronte alle pene d’amore della coppia sovrana d’Austria, non posso non soffermarmi su queste scene che risvegliano in me ricordi insostituibili. Continua a leggere “Ricordi televisivi”

Cuore di mamma… italiano o stressato?

Lasciare andare un figlio

Probabilmente, gli altri, quelli di qualsiasi paese che non sia l’Italia, hanno ragione: la mamma italiana è diversa.

Personalmente non ci credo, forse esterniamo diversamente il nostro amore, ma resta il fatto che essere madri è più spesso uno stress che una gioia. Come quell’esserino comincia a prendere forma dentro di te, cominciano i guai: scatta un meccanismo incontrollabile che ti porta a vivere in uno stato di perenne ansia, anche se non te ne rendi conto. Non pensiate che io stia attraversando un periodo difficile, combattuto con uno dei miei figli: in realtà mi ritengo una madre fortunata ma… c’è sempre un ma. Continua a leggere “Cuore di mamma… italiano o stressato?”