Una donna ha bisogno di luce

In questo 25 novembre 2019 pubblico nuovamente questo post…

BUM!

Si è spento tutto. È buio, non ho mai amato il buio, sono una creatura che ha bisogno di luce.

Non sento più alcun rumore, che silenzio, sì è un silenzio strano, profondo. Si può dire che un silenzio è profondo? 

Perché mi vengono in mente questi pensieri? Forse perché sono qui, ma qui dove? Buio, silenzio, assenza. Sono assente da cosa? Da dove? Continua a leggere “Una donna ha bisogno di luce”

Dire NO alla violenza sulle donne

Ogni 72 ore in Italia una donna viene uccisa.

L’altro giorno abbiamo seguito un dibattito alla radio, davano questa informazione e discutevano su proposte e soluzioni. Ci ha colpito una telefonata di un ascoltatore che però si preoccupava che non passasse il messaggio che gli uomini italiani fossero cattivi perchè in realtà, nelle classifiche europee, risultano tra i meno violenti. Ci consola?

Tutti concordi nel dire che, se nelle generazioni di adulti attuali purtroppo non si può più porre rimedio ad una distorta concezione della donna, è necessario lavorare bene e in fretta su tutta quella popolazione di giovani che si affacciano al mondo complesso di relazioni di genere. Continua a leggere “Dire NO alla violenza sulle donne”

L’8 marzo per noi

Oggi si sprecheranno le mimose, fiore che comunque ci fa piacere ricevere.

Si sprecheranno le frasi e le poesie che decantato la beltà e la leggiadria femminile. Un po’ ci sono venute a noia.

Ascolteremo messaggi di personaggi vari che elencheranno i loro buoni propositi per tutelare maggiormente le donne in ambito lavorativo e privato. Quanto dobbiamo crederci?

Ieri un’altra donna è stata uccisa dal proprio compagno.

Poi abbiamo riletto le parole di una donna minuta e tenace, dovremmo riconoscerci in queste parole e ascoltare l’esortazione a non arrendersi mai! Continua a leggere “L’8 marzo per noi”

Evoluzione

firenze_scarpe_rosse_violenza_contro_donne.jpg

Siamo molto democratici qui in occidente:

perché mai le donne debbono coprirsi, portare il velo, perché non sono libere di uscire e di parlare liberamente con un uomo?

Però se ti hanno picchiata, stuprata, ammazzata

Con chi sei uscita? Eri da sola? A che ora sei tornata? Hai bevuto? Com’eri vestita? Prima ci stavi…poi hai detto no???

Te la sei cercata!

Ah come siamo evoluti!

La mattanza

Non è possibile!

Oggi sono proprio incazzata!

Anche il vocabolario Treccani lo spiega: incazzarsi v. intr. pron. [der. di cazzo], volg. – Arrabbiarsi, irritarsi fortemente. ◆ Part. pass. incazzato, frequente anche come agg., arrabbiato, irritato; rafforzato: è sempre lì a guardarti, sempre uguale, come fossero le sei di pomeriggio a vita, da quando ti svegli a quando vai a letto i. nero (Enrico Brizzi). Frequente anche il superl.: era incazzatissimo.

Bisogna esprimersi in modo adeguato, corretto, evitare parole volgari e offensive…ma come è possibile esprimere la profonda indignazione per quanto, ogni giorno, davvero ogni giorno, arriva dalla cronaca. In queste ultime ore qui in Italia sono state uccise quattro donne. Ammazzate, assassinate, eliminate, soppresse, fatte fuori. Quanti sinonimi dobbiamo utilizzare per rafforzare ed evidenziare questa mattanza? Continua a leggere “La mattanza”