Chissenefrega!

Elucubrazioni mentali sugli anni scritte all’amica.

Si aspetta il primo ciclo per sentirsi finalmente donna, il primo bacio per scoprirsi innamorata, si attendono i diciott’anni per avere la patente, il primo lavoro per ritenersi indipendente, il primo vagito di un figlio per sentirsi infine mamma. Si aspettano gli anni a tutto tondo, i quarant’anni forse per comprendere di più il mondo.

Così come si attenderanno gli anni successivi, che arriveranno sullo stesso volto, gli stessi occhi, gli stessi gesti e gli stessi pensieri. A volte affliggeranno, come la fine di una bella giornata, di una vacanza o di una speranza e il trascorrere del tempo sembrerà più veloce, non si potrà ancora rinviare, delegare, giustificare.

Tuttavia gli anni non saranno una linea di confine, ma un passaggio. Ogni nuovo capitolo sarà solo l’inizio della scrittura, varrà la pena viverlo appieno, senza più le pene dell’adolescenza, le incertezze della gioventù, le ansie degli obiettivi. Continua a leggere “Chissenefrega!”

Madonna avrà male alle ginocchia?

Scusate, secondo voi Madonna non avrà male alle ginocchia? Non avvertirà gli acciacchi dell’età?

In autunno io scricchiolo, cigolo, se mi piego fatico ad alzarmi, e sì che mi muovo tutto il giorno, mi sono anche iscritta ad un corso di ballo e zompetto qua e là quando se ne presenta l’occasione. Dicono che il moto faccia bene…forse avrei più bisogno di una moto per spostarmi quando cammino velocemente. Sono sempre stata una fautrice del mezzo “tacchi e suole”,  ma ora che in questa stagione ho dovuto rinunciare alle mie infradito, mi ritrovo a imprecare contro qualsiasi tipo di scarpe.

Ammiro chi corre.

Ammiro di cammina sui tacchi 15…e forse ci corre anche…ancheggiando.

Ammiro i corpi scolpiti delle signore che come me hanno abbandonato definitivamente gli “enti/enta” e ormai negli “anta” tra fit boxe e spinning mi ricordano la Jane Fonda ai tempi dell’aerobica. Continua a leggere “Madonna avrà male alle ginocchia?”