Cosa penso dell’autunno?

Data Ufficiale

Ricordo che quando ero bambina e a scuola veniva assegnato un tema di italiano che riguardava le stagioni, in assenza di idee iniziavo con la data della stagione in questione. Quest’anno avrei sbagliato, perché la forza dell’abitudine non mi rammenta che l’equinozio è mobile e ogni 100 anni bisogna togliere un giorno…ogni quattro bisogna aggiungerne uno. Questo infatti è un anno bisestile…oh non rammentatemelo, perché io lo avevo iniziato positivamente dato che una delle mie figlie è nata in un anno bisesto…ma non mi aspettavo un 2020 del genere!

Torniamo alle cose belle come i colori dai toni caldi, io poi amo la fotografia che non so fare, quindi mi piace scorrere il web e guardare le immagini di chi sa fare suggestivi scatti, che sa comporre il tutto come un quadro o coglie l’attimo di quella foglia, sì proprio quella che sta lentamente cadendo facendo la sua ultima evoluzione nell’aria ormai frizzantina.

Non voglio però vedere nei vari tg nazionali le riprese di chi ancora si sdraia su spiagge assolate, perché l’invidia non la terrò a bada, lo sento. Ora sono qui davanti a miei amati sandali abbandonati e vorrei diventare una barefooter, che non è una parola a doppio senso, state lì fermi, ma un termine che indica uno stile di vita, quello di non indossare calzature. Sono davanti ad un armadio che necessita dell’odiato cambio di stagione, con la sensazione che il “ricominciamento” e i buoni propositi li chiuderei dentro uno zainetto per scappare verso altri lidi, voglio inseguire il sole e che tutto il resto vada a farsi benedire. Magari mi porto Gabriella.

Lo scrivo perché sono di cattivo umore? Giammai! È utile essere positivi e dire sempre tutto con il sorriso, soprattutto per non fare scappare i follower. Eheheh! Facile a dirsi più che a farsi, perché un po’ acidi bisogna esserlo, d’altronde nel menu di questo blog è presente Acidementi. Ce ne sarebbe da assere acide: stufa di leggere notizie tragiche, stufa del giornalismo becero, stufa della politica urlata, stufa del negazionismo che salta fuori per questo o quello, stufa dell’aggressività e dell’ignoranza delle persone che vivono con la laurea in tuttologia in tasca…stufa anche del Covid che si è ormai insinuato nelle nostre vite.

Oh bene, ora che mi sono lamentata con voi – sappiate che mi fanno venire l’orticaria le persone che si lamentano sempre – vado a recuperare un po’ di pomata antistaminica, cerco anche due foglie, castagne e zucche e vediamo cosa si può fare per affrontare questo autunno. Si salvi chi può!

Aspettatemi eh?!?

Il mese di Gennaio non mi è mai piaciuto

Ha un che di malinconico, è freddo e pieno di virus e batteri!!!

Meno male che non avevo iniziato il 2020 facendo il mio bell’elenco di buoni propositi con tanto di foto, frasi ad effetto sottolineate con l’evidenziatore fluorescente.

Un disastro: febbre, spossatezza, tosse, e ancora febbre e debolezza e un animo crepuscolare. Rappresento chi proprio non bisognerebbe essere in questo periodo di inizio del…tutto! Riprendere il giro delle mie cose da fare mi sta costando una fatica enorme, io poi che non sopporto chi si lamenta, chi mollemente si allunga sul divano… sono ancor peggio di chi critico. Io che con chi sta male sono più sergente dei Marines che amorevole infermiera stile Candy Candy. Continua a leggere “Aspettatemi eh?!?”