Leggere in quarantena

Tempi duri, difficili, ostici.

Qualsiasi sia il colore, io vivo nel rosso e mai più indovinato è stato questo colore. Vivace, riconduce alla vita, all’amore, alla passione, ma anche al rischio, al pericolo, alla morte.

Abbiamo già letto e scritto di tutto, ma non ci si può sottrarre al senso di responsabilità che ognuno di noi deve avere o ritrovare, oggi, non possiamo più rinviare, nonostante i cattivi esempi, nonostante i colori politici nei quali ci si riconosce o non ci si riconosce più.

Potremmo provare a guardare da una prospettiva diversa cercando qualcosa che ci regali un breve…ma vitale, sorriso.

“Il tempo che niente può fermare non scorre solo per piangere sulle cose perdute ma anche per ottenere un’infinità di momenti bellissimi, uno dopo l’altro. Ah, questo è un piccolo premio, pensai.”

(Il corpo sa tutto, Banana Yoshimoto)

 

Chi decide la strada?

Kitchen di Banana Yoshimoto

“Ognuno di noi pensa di avere molte strade e di potere scegliere da sé. Ma forse sarebbe stato più esatto dire che sogna il momento di scegliere. Anche per me è stato così. Ma ora lo so. Lo so con tanta chiarezza da poterlo mettere in parole. La strada è sempre decisa, non però in senso fatalistico. Sono il nostro continuo respirare, gli sguardi, i giorni che si succedono a deciderla naturalmente.”

Immagine di copertina di Katsushica Hokusai