Al cinema

Nella città di Torino ha sede il Museo Nazionale del Cinema

È allestito all’interno della suggestiva Mole Antonelliana, simbolo della città, e proprio in questo 2020 ricorre il ventesimo anniversario della sua apertura.

Il cinema racconta storie, sogni e vita vera, avventura e introspezione, e regala ricordi che si intrecciano con le vite create sul grande schermo. Purtroppo anche questo mondo ha subito stravolgimenti a causa dell’arrivo della pandemia di Covid19, reale e non frutto della fantasia di qualche sceneggiatore.

In questi giorni mi sono tornati in mente i pomeriggi al cinema con i miei genitori, quando aspettavo con trepidazione i cartoni animati della Walt Disney, rammento ancora i pianti per il mio caro e piccolo Dumbo, tuttora il mio personaggio preferito.

Però dai cartoni animati mi sono poi ritrovata a vedere film decisamente diversi, e mi chiedo come sia stato possibile dato che mia madre è sempre stata una persona alquanto severa e ligia alle regole. Ho visto tre pellicole decisamente non adatte alla mia tenera età, sarà stata una strategia educativa insolita?

  • “Tora! Tora! Tora!” sull’attacco a Pearl Harbor.
  • “Il Padrino” di Coppola con Marlon Brando, a tutti è nota la trama.
  • “Giù la testa” dell’indimenticabile Sergio Leone.

In genere ci recavamo in una grande sala del centro che ormai è stata trasformato in una multisala. Ricordo che a quell’epoca non era ancora entrato in vigore il divieto di fumare nei locali pubblici, per cui mi ritrovavo a seguire con lo sguardo il fumo delle sigarette che salendo fuoriusciva poi da un’apertura del soffitto.

Ma non divaghiamo.

Dunque, il primo film mi aveva annoiata, tutti quegli aerei rumorosi! Del secondo ricordo in particolare una scena: un tale si svegliava nel proprio letto e scopriva la testa mozzata del suo amato cavallo. Reputo fosse una vendetta. Impossibile dimenticare quella testa e le lenzuola insanguinate!!! Il terzo film lo rammento per la splendida colonna sonora di Ennio Morricone e anche per una famosa frase di uno dei protagonisti: “Giù la testa… (epiteto)!”

Insomma, tra fumo, violenza, sangue e morti ammazzati, capisco come mai mi piacciano serie televisive e film che in famiglia non apprezzano particolarmente.

Come una figlia di Sparta, a suon di lacrime e sangue ho superato dure prove! Anche il cinema mi ha forgiata, non mi spaventa un battibecco, né accetto sgarbi senza replicare. Tranquilli, nessuna testa mozzata, fortunatamente sono stata educata bene, detesto la prevaricazione.

Comunque le mie figlie hanno fatto scorpacciate di film con principesse, cuccioli e giocattoli parlanti…però hanno visto e rivisto “Nightmare before Christmas” e “La sposa cadavere”. Su non fatevi idee strane!

Invece, che film sceglierete prossimamente di vedere?

8 pensieri riguardo “Al cinema

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.