Tanti auguri a me

Giornata dedicata ai mancini

Ebbene si, ho appena scoperto che ieri era la Giornata mondiale dei mancini: quindi la mia festa.  Questa iniziativa naque nel 1976 per ricordare le disparità di cui siamo stati vittima in passato e per eliminarle completamente dal nostro futuro.

Può sembrare strano, ma ancora oggi restano strascichi di passate credenze. Nei paesi musulmani, ad esempio, è vietato lavarsi e mangiare con la mano sinistra perché riservata alla pulizia delle parti intime e quindi impura. Nella religione cristiana, la mano sinistra era la mano del diavolo e quindi una perversione e indice di eresia.

La parola mancino, in latino significa “mutilato” e “storpio”; il termine sinistro ha un senso non proprio positivo: incidente, sciagura oppure minaccioso, che incute paura.

Nel passato scienziati e religiosi cercarono di dare spiegazioni concrete a questa forma di “inferiorità”, oggi, fortunatamente, alla luce dei grandi nomi del passato e del presente, si è modificato drasticamente l’approccio e si esaltano le virtù di noi mancini.

Come dimenticare infatti la “mancinità” di grandi personaggi del passato come Leonardo, Michelangelo, Carlo Magno, Napoleone, Einstein. Ricordiamo artisti come Charlie Chaplin, Robert De Niro, Jimi Hendrix oppure sportivi del calibro di McEnroe, Valentino Rossi senza dimenticare politici che nel bene e nel male hanno influenzato la storia recente come Fidel Castro, Ronald Reagan, Obama e l’immortale Regina Elisabetta!

Tutti mancini!

Sembra che già nella preistoria l’essere mancino non fosse considerata un’anomalia ma una potenzialità da sfruttare ad esempio nei combattimenti. Oggi questa caratteristica, in ambito sportivo, è molto ricercata.
Nel passato, la rarità del mancinismo ha però fomentato credenze popolari che consideravano questa caratteristica un’anomalia genetica, una malattia da debellare.

A scuola si insegnava, con l’uso della forza, ad usare solamente la mano “giusta”: la destra.

Ricordo che mio padre diede il permesso alla maestra di legarmi la mano dietro la schiena e rimase scioccato quando questa gli disse che era una pratica che ormai non si usava più. Oggi capisco di aver avuto un’insegnante “illuminata”, visto che molti miei coetanei invece sono stati forzati all’uso della mano destra. Ancora oggi però mio padre, trova strano vedermi scrivere con la sinistra… e non solo lui.

A partire dagli anni 50 la scienza ha capito che il cervello umano è suddiviso in due emisferi con diverse funzionalità ed è noto che ogni emisfero controlla il lato opposto del corpo.  Gli studi dimostrano che l’emisfero destro è la sede delle emozioni, della creatività e dell’immaginazione ed è per questo che molti personaggi famosi devono la loro creatività, intuizione ed anche inventiva all’essere mancini.

Un bel salto in avanti dall’essere ritenuti dei fenomeni da baraccone amici del diavolo, vero?

5 pensieri riguardo “Tanti auguri a me

  1. Certamente non siete né fenomeni da baraccone, né amici del diavolo. Siete poveri diavoli come lo sono i destrorsi.
    Certo un tempo vedere un mancino scrivere o fare una qualsiasi attività destava un certo stupore, oggi molto meno.
    Buona festa a te

    Piace a 2 people

  2. Secondo me tutto ciò che è diverso ha sempre fatto paura, quindi è stato più facile perseguitarlo, eliminarlo, annientarlo, invece di cercare di capirlo. Questa mentalità che identifica la rarità o diversità con l’anormalità purtroppo ancora sopravvive ed è dura a morire. Viva i mancini, dunque, e auguri!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.