Riprendere il proprio tempo

Sentite anche voi il ticchettio?

Gira che ti rigira, l’argomento Covid-19, quanto ne è conseguito e quanto potremmo rischiare nel prossimo autunno, è sempre presente nei pensieri e nei discorsi.
Anche tra amiche, si parte dai buoni propositi, da ciò che si vorrebbe fare perché ci si è rese conto che il domani è dietro l’angolo, per passare alla famiglia e ai figli, ai social – tasto dolente – al lavoro e poi ad argomenti via via più leggeri. Allora ci sono i viaggi, o almeno dove si desidererebbe andare, i ricordi, le mostre, i film e le belle letture, tutto accompagnato da sorrisi e risate.

Poi, si ritorna da dove si è partite, da ciò che ha messo in discussione il nostro modo di vivere e anche di procrastinare. Anche prima tutto era criticabile, ma era comunque la nostra vita e nostro il potere di discuterne i termini, le condizioni e le giustificazioni.

Ora abbiamo ripreso i nostri impegni, chiedendoci poi se questa normalità vada ripristinata, cambiata, cercata, ci rendiamo conto che abbiamo bisogno di un nuovo equilibrio, perché il virus si è insinuato in ogni caso nella nostra mente, nel nostro quotidiano.

No, non è una valutazione pessimistica della situazione, io sono del team: finché c’è vita c’è speranza

Il punto semmai è andare oltre agli entusiasmi e alle depressioni, al dissenso, la vita è andare sempre avanti, nessuna inversione ad U.

Quante volte ci siamo tutti ritrovati fermi di fronte alle domande: chi sono, da dove vengo e soprattutto dove vado? A queste si aggiunge: quanto tempo mi devo dare? Perché il dubbio e la paura immobilizzano, se per molti di noi una buona parte della propria vita è andata, rimanere fermi ad aspettare che qualcosa ci smuova, che cambi, ci farà perdere altro tempo.

Facile a dirsi e non a farsi

Io sono la prima a sentirmi ancora in posizione statica. Nei mesi scorsi ho sistemato, lavato, stirato, cucinato, panificato, videochiamato e anche se sto continuando in parte questa routine, fatico a riappropriami di altro e nuovo tempo, del mio tempo, solo mio, tutto mio.

Questo post quarantena non ci ha fatto ritrovare migliori, ci ha mostrato nuove insicurezze e inaspettate meschinità, ha aperto la porta anche all’ombra che teniamo nascosta e…che non vuole ritornare al suo posto! Ci siamo resi conto che possiamo pianificare…ma relativamente, qualcosa ci frega sempre, è fisiologico.

Tocca accettare le delusioni e cogliere (o cercare) al volo le occasioni…

Tic toc tic toc tic toc…

10 pensieri riguardo “Riprendere il proprio tempo

  1. Dal 1 settembre probabilmente terminerò lo Smart Working e riprenderò il solito tran tran. Ti dovessi dire, la trovo una prospettiva inquietante. Non so proprio se ce la farò a far finta di niente e ricominciare come se questi sei mesi non ci fossero stati (non che abbia alternative!)

    Piace a 1 persona

    1. Far finta di niente penso sia impossibile e neanche giusto. C’è chi nega o minimizza per andare avanti, ma in questa situazione reputo sia anche rischioso.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.