Buongiorno “Signora”

Quando il passare degli anni fa paura

Quando ero giovane, il termine “Signora” era sinonimo di “anziana” (e il termine usato era meno signorile).

Alle Signore si dava del lei perché di un’età a cui si doveva rispetto, ma in realtà erano considerate delle “quasi-morte” che nulla desideravano se non diventare nonne o badanti dell’anziano marito.

Oggi che appartengo a questa categoria di donne, mi accorgo dell’errore grossolano di valutazione fatto dalla me ragazza, ma nello stesso tempo, mi rendo conto del fatto che attualmente il problema è un altro: noi donne “mature” facciamo fatica a calarci nella categoria delle “Signore”, continuiamo a valutarci con lo stesso metro di giudizio di quando avevamo trent’anni in meno.

Ci mettiamo in competizione con le nostre figlie e a volte anche con le nostre nipoti, vestendoci, truccandoci e, spesso, pubblicando foto che invece di liberarci da stereotipi e aspettative desuete, ci mortificano mettendo ancora più in evidenza gli anni trascorsi e i segni che hanno lasciato.

Per contro vedo donne mie coetanee con abiti che non mettono in evidenza nulla eppure donano carisma e personalità a chi li indossa. Forse queste donne sono andate oltre e volgono le spalle a tutte quelle aspettative legate al sesso, al corteggiamento, al mettersi in mostra e dirigono lo sguardo su altre tematiche?

Siamo sicure che un atteggiamento più sobrio ci invecchi e ci renda meno interessanti?

Il mio viso tradisce spesso l’età reale, il seno risente della gravità e il giro vita testimonia come la menopausa e la mia passione per il buon cibo stiano facendo i loro danni: possibile che io debba passare la maggior parte del tempo a camuffare tutto ciò o al contrario a mettere in mostra questa trasformazione per sentirmi ed essere considerata “vera”?

Sui social spesso le donne “anta” rivendicano il diritto di spogliarsi e di rivelare il proprio corpo con i segni dell’età, come simbolo di emancipazione. C’è chi le applaude ritenendo che una donna che non ha paura di apparire con i propri difetti sia una persona vera, di cui ci si può fidare.

Oltre a non capirne il nesso, a me sorge spontanea un domanda: perché? Perché  mostrarsi ad estranei, farsi giudicare e, si spera, approvare da persone che non ci conoscono e non sanno chi ci sia veramente dietro quel post… Perché?

Continuiamo a rimproverare la società, le altre donne, i nostri uomini di giudicarci per il nostro aspetto e non per il nostro cervello, ma noi siamo le prime ad esporci e farci valutare passando dal nostro corpo… nel bene e nel male.

Io credo invece che dovremmo essere orgogliose di appartenere a questa fascia d’età e che ognuna di noi dovrebbe dire: “Sì, sono una Signora!”, perché lo siamo e in un modo inimmaginabile alcuni decenni fa.

19 pensieri riguardo “Buongiorno “Signora”

  1. Beh credo che il discorso sull’esporci in cerca di un giudizio si possa ormai estendere a tutte le età, perché è un po’ questo che i social ci hanno lasciato in eredità.. eppure sarebbe così semplice vivere sereni con noi stessi

    Piace a 1 persona

  2. Condivido la riflessione. Le donne adulte che si truccano da ragazzine o lottano con l’età, per me, non fanno affatto una bella figura. Meglio l’eleganza e la sobrietà al tentativo di rimanere eternamente giovani.

    "Mi piace"

  3. beh! hai fatto un lungo discorso che tratteggia benissimo come siamo cambiati/e. Il mito dell’eterna giovinezza ci fa credere che camperemo in eterno e saremo sempreverdi. Quindi facciamo fatica ad accettare che il tempo passa e diventiamo vecchi, come abbiamo visto invecchiare i nostri genitori.

    Piace a 1 persona

  4. Ci vorrebbe saper scegliere una via di mezzo: niente che renda ridicole le signore, niente che le invecchi troppo. Mia madre è sempre stata una “signora” con i suoi tailleur molto formali, eppure, quando io ero una bombetta, era davvero giovane. Così è troppo. Ma bisogna tener conto del fatto che cambiano i tempi, cambiano le mode, cambia il modo in cui ci sentiamo. Forse per mia madre essere una signora voleva dire avere una buona posizione sociale, essere sposata e i suoi abiti in qualche modo lo svelavano.

    Piace a 1 persona

    1. Se forse una volta si era troppo vincolate da stereotipi e da ciò che la società poteva pensare, oggi, per affermare i propri diritti si sconfina in campi che francamente non credo ci possano realmente appartenere

      "Mi piace"

  5. Il mondo è cambiato, ormai per apparire deve regnare l’esibizionismo, le donne hanno ormai come punto di riferimento star che sono così tanto rifatte che sembrano ancora ragazzine, quindi dicono perché loro si e io no?? Oppure magari non accettano il fatto di diventare vecchie, non so, bisogna godersi la vita e accettare ogni cosa secondo me 😊🌸

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.