Scegliere

La prima settimana di questa quarantena italiana è ormai passata, altri giorni ci attendono

È una cosa seria, una situazione di emergenza che ha coinvolto tutti, non è un evento lontano, non è l’eco di notizie che distrattamente ascoltiamo.

Da tempo avevo la sensazione che il mondo girasse al contrario, avevo l’impressione che qualcosa di destabilizzante sarebbe accaduto. Ricordo un film che amo molto, e in particolare un passaggio del discorso finale di Charlie Chaplin ne “Il grande dittatore”:

“(…) In questo mondo c’è posto per tutti: la natura è ricca, è sufficiente per tutti noi; la vita può essere felice e magnifica.
Ma noi lo abbiamo dimenticato.
L’avidità ha avvelenato i nostri cuori, ha precipitato il mondo nell’odio, ci ha condotto a passo d’oca a far le cose più abiette.
Abbiamo i mezzi per spaziare, ma ci siamo chiusi in noi stessi; la macchina dell’abbondanza ci ha dato povertà; la scienza ci ha trasformato in cinici; l’abilità ci ha resi duri e cattivi.
Pensiamo troppo e sentiamo poco.
Più che macchinari, ci serve umanità.
Più che abilità, ci serve bontà e gentilezza.
Senza queste qualità, la vita è violenza, e tutto è perduto. (…)

Ci siamo ritrovati a pensare di essere rifiutati dagli altri paesi, abbiamo fatto scorte di alcool denaturato, mascherine e soprattutto cibo, perché forse abbiamo temuto non la fame, quella terribile e vera, ma la rinuncia ai nostri peccati di gola.

Poi, finalmente, abbiamo cominciato a provare a dare il meglio di noi, quando ci siamo resi conto che non esistono muri o recinzioni che tengano, che non si può chiudere tutto né fuori né dentro.

Stiamo provando a dare un senso a queste giornate rinunciando a tutto ciò che era consueto, permanente

Abbiamo iniziato a fare rete per condividere gratuitamente varie competenze. Pubblichiamo poesie, post che confortano e sostengono, buoni propositi, buone pratiche e ricette. Ridiamo dell’inventiva di chi si improvvisa attore e crea storie divertenti. Mai come ora ci siamo resi conto di quanto sia bella questa nostra bistrattata Italia, così vuota e libera dai nostri rumori, dal nostro vociare, dallo smog, dalle nostre cicche di sigarette, dalla mano che distrugge una panchina.

Ci siamo ritrovati orgogliosamente italiani, abbiamo lasciato perdere le stupide diatribe tra nord e sud e gli slogan che inneggiano al diritto di essere i primi, avremmo fatto sicuramente a meno di avere il primato dei contagi in Europa. Abbiamo riscoperto la voglia di cantare il nostro inno e balliamo sui balconi per sottrarci alla noia e alla paura. Ora dobbiamo allungare le braccia e le mani non per abbracciare ma per creare distanza, separazione, e ci stupisce scoprirci smarriti e incompleti.

Siamo fortunati anche questa volta, siamo aldiquà del mondo dove la guerra in atto non fa crollare le nostre case, non ci separa dai nostri bambini. Chi combatte ogni giorno non indossa elmetto e tuta mimetica, ma un camice bianco o verde. Non ci sono i supereroi dei fumetti, ma persone che hanno scelto una professione il cui reale sinonimo è missione e che instancabilmente sono in prima linea per noi.

In un commento su Instagram ho scritto che il verbo scegliere è il verbo della vita.

Ha un grande potere e riguarda tutti gli aspetti dell’esistenza. Possiamo scegliere come porci agli altri, come accettarci e migliorarci, possiamo scegliere da che parte stare e chi e cosa abbandonare.

Non penso che dopo, e non so neanche dare un tempo a questo dopo, tutto sarà più semplice e bello, soprattutto se non avremo memoria, se dimenticheremo la paura e il dolore per chi non vedrà questo dopo. Esisteranno sicuramente ancora: ingiustizia, sopraffazione, sofferenza, stupidità, ignoranza. Forse basterebbe scoprire di essere in grado di fare scelte differenti, migliori, più di quanto potremmo immaginare.

Potremmo essere ancora in tempo per imparare, valutare e scegliere in quale direzione andare.

19 pensieri riguardo “Scegliere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.