Rompiscatole

Mi piacciono le buone maniere

Quando racconto che ho avuto un battibecco con un’impiegata scortese dell’ufficio postale, al telefono con un interlocutore cafone, con un automobilista che ha fermato l’auto proprio sulle strisce pedonali…i miei familiari fanno tutti un sorrisetto come a dire: te pareva!

Ho imparato presto, anche a mie spese, a gestire la timidezza, ho capito che non bisogna aver timori reverenziali nei confronti di nessuno, soprattutto se questo nessuno è maleducato. C’è sempre qualcuno che approfitta dell’insicurezza altrui, che scambia la cortesia per assenso. In alcune occasioni “ho fatto la scema per non andare in guerra”, perché bisogna saper aspettare, far decantare, per poi comprendere se val la pena puntualizzare o se è ancor meglio lasciare andare.

Qualsiasi decisione però si prenda, occorre filtrare sempre il tutto con l’educazione e con i numeri: prima di avere una reazione bisognerebbe contare fino a 10 (o almeno fino a 5)

Ho portato via una figlia da uno studio medico perché avevo chiesto espressamente che non fosse quel determinato medico a riceverci (era fuori come un balcone), ho inseguito e bloccato due ragazze che mi avevano sottratto il portafoglio, non tanto per il denaro, ma perché dentro c’era la foto della mia bimba…mi è stato reso tutto! Ho protestato con un gruppo di mamme affinché non venisse tolta la scuola media del quartiere, e non è stato un problema parlare di fronte ad assessori e consiglieri vari. Se mia madre deve discutere di un problema con qualcuno o fare un reclamo…manda me!

Sì sono una rompiscatole! Anche Gabriella me lo fa capire quando insisto sui particolari, rammento un impegno, correggo una data.

Eppure sui social faccio attenzione

altrimenti non potrei affermare che non sopporto chi scrive a lettere maiuscole perché per me equivale ad urlare, chi utilizza un linguaggio scurrile, offensivo, chi descrive il corpo femminile e lo declina con diminuitivi: tette, tettine, culo, culetto, fighetta ecc…

Forse è da tutto questo che si desume la mia età? Probabilmente sì! Ho imparato a mettere dei paletti nel percorso della mia vita, chi li supera alza il mio livello di allerta, si accende la spia rossa. Oggi tutti perdiamo il senso della misura troppo facilmente e ci sentiamo in dovere di dire qualsiasi cosa si palesi nel nostro cervellino.

Possiamo proporre o difendere idee, chiedere attenzione, comprensione, contestare, argomentare o dire categoricamente NO, ma senza dimenticare che dall’altra parte esiste un qualcuno.

Mi sono ritrovata ad avere opinioni diverse da Gabriella, ma non è mai venuta meno la stima reciproca, anche quando ci siamo scambiate qualche battuta pungente. Perché per noi è importante essere sincere ma corrette. Anche l’ironia e il sorriso smorzano gli animi inquieti, ridere di sé fa bene.

Questo navigare nel web in due ci permette un controllo reciproco, come si suol dire ci vogliono i piedi per terra e la testa sulle spalle, ormai la linea di demarcazione tra quello che in generale siamo tutti nel mondo reale e in quello virtuale è sempre meno chiara, distinguibile.

Però per non sbagliare, per non confondersi io so che

dove non arriva lei, ci sono io, perché dove io fatico ad arrivare, so che lei sarà lì ad aspettarmi.

12 pensieri riguardo “Rompiscatole

  1. “C’è sempre qualcuno che approfitta dell’insicurezza altrui, che scambia la cortesia per assenso. ” Verissimo. Sembra un incentivo a prevaricare il prossimo.
    Certo le buone maniere rendono sempre. Esprimere le proprie opinioni con garbo e determinazione può significare uno scontro ma se l’interlocutore è non è un presuntuoso arrogante, le capisce.
    Si può essere divergenti ma serve sempre umiltà ascoltando l’altrui opinione, come gli altri devono ascoltare me.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.