Lenti a contatto

Amicizia a prova d’occhiali

Non per lamentarmi, ma non sempre essere amica di Marinella è stato facile e mi spiego meglio. Per fortuna la natura mi ha dotata di una buona vista e forse per una legge di compensazione, ha sempre messo sulla mia strada amiche dotate di occhiali.

Normalmente, man mano che si procedeva negli studi, si acquisiva il privilegio di retrocedere di posizione sia sul bus che ci riportava a casa che sui banchi della scuola. In prima si faceva a gara per occupare la prima fila, in quinta le più veloci si  accapparravano “l’ultimo banco in fondo” dove era possibile concedersi distrazioni durante l’ora di religione o di geografia. Mai avuta questa fortuna: le mie amiche sono sempre, ripeto sempre, state miopi o astigmatiche e “siccome so ciecata devo stare davanti”.

I primi due anni avevo stretto amicizia con una ragazzina dagli occhiali spessi e il fatto che mi costringesse ai primi posti non fu un problema perchè ero ancora nella fase “io sto davanti”, poi ho fatto il salto di qualità conoscendo Marinella. Il primo anno la nostra amicizia fu completata dalla sua compagna di banco che come lei non ci vedeva, ma è grazie a loro se ho imparato la differenza tra lenti morbide e semirigide ed ho capito che le seconde sono più difficili da gestire: infatti l’altra le perdeva sempre e non di rado ci ritrovavamo tutte con il sedere per aria a cercare di recuperare la lente caduta… che bei ricordi!

Gli anni passavano ma non la nostra posizione… e laggiù al fondo non ho mai potuto metterci piede. Persino il giorno del mio esame di maturità, quando con ansia aspettavo il mio turno, una mia compagna, durante la sua interrogazione, con un gesto inconsulto, aveva fatto saltare via dall’occhio la sua lente e tutti noi abbiamo dovuto aspettare che lei, carponi la cercasse e finisse finalmente il suo esame per lasciare posto a me.

Oggi? E’ solo di qualche giorno fa, che nel nostro gruppo di Whatsup, ho assistito basita alla conversazione tra Marinella e una nostra amica che non riusciva più a togliersi le lenti a contatto che si erano incollate all’occhio! Ma ancora più traumatico è stato “vedere” Marinella gettare la spugna e l’altra amica andare al pronto soccorso per farsi assistere!

5 pensieri riguardo “Lenti a contatto

Rispondi a Gabriella Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.