Il tutto e il niente

Parte a

Ho iniziato a pensare veramente alla mia età, all’indomani del mio cinquantesimo anno. Prima avevo la sensazione, che penso accompagni molti durante la giovinezza, che il tempo fosse inesauribile. Pensavo di avere costantemente la possibilità di procrastinare.

Invece non è così, il tempo che è trascorso, le ore che abbiamo trascurato, i giorni che abbiamo dimenticato perché uguali a tutti gli altri, non torneranno.

Il tempo è spesso puntuale nel farci capire molte cose in ritardo. (Guido Rojetti)

Se poi si hanno dei figli, questi ci danno un ritmo intenso, ci rendono attivi e finché li vediamo bambini, ci sentiamo giovani anche noi.

Arriva però il fatidico compleanno, quello con la freccia fluorescente, intermittente, ci ritroviamo una scritta a caratteri cubitali, che non possiamo ignorare, ci sovrasta, ci identifica, ci segnala.

Alstom-Freccia

Il giorno e l’ora X, che ci ricordano che non possiamo fare finta di niente. Per qualcuno è a quarant’anni, per altri a cinquanta o a sessanta. Non prendo in considerazione chi pensa che la X compaia a trent’anni!

Ormai da tempo c’è un atteggiamento diverso, le mie coetanee sono molto attive, non ambiscono alla “nonnanza”, seppur fonte di grandi emozioni. Si vuole vivere questi anni non sull’onda di ciò che è stato ma di ciò che potrebbe essere, anzi, che deve essere!

A volte i figli ci osservano con uno sguardo che non concede appelli, ma non sanno che, in parte, diventeranno come noi, prenderanno percorsi diversi, ma loro malgrado, ci somiglieranno. Anche loro faranno i conti con gli anni trascorsi, ad un certo punto, quasi con sgomento, si renderanno conto che si perde sempre qualcosa del proprio tempo.

Io non voglio copiare la loro gioventù, obbligare il mio corpo a nascondere i suoi anni, contestarlo, desidero invece l’armonia, perché è quello che è…è me!

La nostra mente è giovane? Ci diciamo che l’età non conta. Chissà, è un numero, potrei provare a chiamarlo con un nome: piccolo, medio, grande. Oppure: anno in cui ho iniziato a parlare, a camminare, ad andare a scuola scuola per leggere e scrivere, anno in cui ho incontrato l’amore, anno in cui ho visto la luna più bella, anno in cui ho letto il romanzo più commovente, in cui ho perso il lavoro, in cui invece ho trovato casa, anno in cui ho cambiato il primo pannolino a mia figlia.

Gli anni sono questi e sono tanti in ogni caso, un ricordo nascosto nei cassetti della memoria, nel solco sulla fronte, nella ruga vicino agli occhi, nel capello bianco che copro con la tinta, nella macchia sul viso che schiarisco con il fondotinta.

Non posso cancellarli completamente con un bisturi, non posso bloccare tutto con il botox. Tutto scorre comunque. Quando mi specchio, mi trucco per piacermi, ma non posso mettermi una maschera per nascondermi.

Non togliermi neppure una ruga. Le ho pagate tutte care. (Anna Magnani)

Non vedo più la ragazza seduta nel suo banco a scuola, vedo la me di oggi seduta alla scrivania davanti alla tastiera del PC. Oggi non potrei più essere chi ero, era è una voce del tempo imperfetto, preferisco il tempo presente che racchiude in me il passato e le premesse del futuro. Mi porto dietro tutto e niente, perché il niente lo voglio colmare.

13 pensieri riguardo “Il tutto e il niente

  1. Mi ha colpito in particolare la tua affermazione per cui oggi non potresti più essere la persona che eri in passato. Mi ha ispirato una domanda che spero non risulti indiscreta: c’è qualcosa di quella persona che sopravvive in te ancora adesso?

    Piace a 2 people

    1. Assolutamente sì, siamo quello che siamo perché in noi convivono passato e presente. Non potrei essere la persona che ero in passato in quanto gli anni e le esperienze mi hanno arricchita. Non potrei comportarmi da ragazzina perché sono una donna che ha superato i cinquant’anni. Però non dimentico “la fanciullina” che è comunque in me 😉

      "Mi piace"

  2. Credo che la X compaia alla svolta, quando semplicemente ci arrivi.
    Compare a vent’tanni quando sei 19enne.
    Compare a trent’anni quando sei 29enne.
    Etc.
    Sicuro sono X diverse, ma ci definiscono. Fanno parte di una tappa.

    Ma io che ne so, ho appena visto la mia X dei trent’anni

    Piace a 1 persona

    1. Vero, c’è sempre un anno di svolta, forse diverso per ognuno di noi, più che a un numero lo legherei a scelte, a fatti. Quando si è più giovani comunque si ha la sensazione che le svolte possano essere infinite. Con il trascorrere del tempo diciamo che aumenta la responsabilità, il timore di sbagliarle o di non farle in tempo. Comunque l’importante è provare a colmare il proprio tempo di ciò che desideriamo. Che siano progetti, affetti, sogni…

      Piace a 1 persona

      1. Grazie, ma in effetti queste sono solo elucubrazioni mentali, non è il giorno del mio compleanno e la cifra tonda l’ho già lasciata alle spalle😉

        "Mi piace"

  3. Cinquanta? Se è il tuo compleanno. Auguri.
    Le due citazioni dicono tutto ovvero che il tempo sta passando. Però è inutile affannarsi a nasconderlo, tanto è inutile. Basta vivere con le emozioni di tutti i giorni e il fardello diventa meno pesante.

    Piace a 1 persona

  4. E’ un’analisi che condivido, almeno per quanto riguarda il momento fatidico in cui si è costretti a fare i conti con IL TEMPO. C’è un lungo periodo in cui sembra che niente cambi, e che davanti a noi ci sarà sempre questa lunga strada sgombra. A un certo punto, per me un po’ all’improvviso, si capisce che la strada finisce. Lo si capisce per davvero. Nemmeno io voglio essere quella che non sono, mi considero già molto fortunata a vivere in un’epoca in cui c’è tanto spazio anche per i “diversamente giovani …”. L’unica è godersela, finchè si può

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.