Ma cosa stiamo diventando!

Intoppi tecnologici

Da qualche mese seguiamo su Facebook una simpatica ragazza che racconta la sua vita a Londra: Caterina Amato. Qualche giorno fa ha però scritto un articolo che si collega bene alla nostra rubrica dedicata alla tecnologia e in particolare al rapporto che hanno le donne con l’informatica.

È un articolo simpatico e ironico che ben spiega le frustazioni che noi signore giovani e meno (e diciamolo anche molti maschietti), periodicamente proviamo di fronte agli inevitabili ostacoli tecnologici!

“Io, Caterina Amato, non una 007 a servizio di sua maestà ma normalissima cittadina di un normalissimo paese, senza tanta arte e né parte, distrattamente ho dimenticato di inserire la spunta per ricordare al sistema la password del mio banalissimo e-mail account.

Vabbè, scocciatura, ora la reinserisco, e checèvò!.

Parlato troppo presto.

Inverto due lettere della password, inserita a memoria. 2. Due. Two.

Sento immediatamente di aver fatto una scemenza.

Infatti qualche frazione di secondo dopo ecco che i virtuali campanelli di allarme si mettono tutti a suonare all’unisono.

Password sbagliata: ti abbiamo inviato il codice di recupero all’indirizzo mail ulteriore da te fornito. Hai tempo 10 sec da ora…9, 8, 7…

Vado all’altro indirizzo ma compare finestra con… è da tempo che non vieni qui, sei sicuro di essere chi affermi di essere?
Ti abbiamo inviato un codice di recupero al cell da te fornito, – 15 anni fa e italiano – hai tempo 10 sec da ora…9, 8, 7…

Il cell italiano! Dove l’ho messo, dove è? Ale hai visto il mio cell italiano?

AlessandroB che mai davvero in questi casi è di aiuto pratico: Non lo so, se vivi in UK dovresti avere solo il cell inglese.

Eccolo, trovato. Ma ovvio, è scarico, non lo uso mai.

Inserisco caricabatteria. Aspetto 5 min e accendo.

Wind Firenze: Oh, bellina, ma dov’eri? Ti abbiamo inviato un sacco di messaggi per dirti che la SIM era in scadenza. Era! Ora l’è bella che scaduta. Ma puoi sempre attaccarti al Tram, se vuoi.

Chiudo i messaggi.

Apro Internet per vedere cosa si fa in questi casi e arriva immediatamente la notifica pubblicitaria de La Nazione: A proposito di tram, visto la nuova linea Careggi – Fortezza da Basso? Se ti interessa sapere anche delle altre linee del tram sottoscrivi l’abbonamento decennale al nostro giornale.

Vabbè, datemi una caverna uso abitazione!

Una caverna che non sia però pubblicata su Airbnb accomodation, che non chieda review e carta di credito per il fitto mensile ! 😉

Potete leggere altri splendidi articoli di Caterina seguendo la sua pagina: https://www.facebook.com/LaMiaVitaALondra

oppure: https://www.facebook.com/Caterina.Amato

14 pensieri riguardo “Ma cosa stiamo diventando!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.