Bisogno di amicizia

Con una persona amica ci si dovrebbe sentire liberi di essere solo quello che si sente di essere.

Di cosa si avrà bisogno?

Di parità: si viene accettati e si accetta, senza ruoli, dando il tempo che si vuole offrire. Senza l’ansia di dover apparire brillante, di dover fare attenzione a non superare quel tanto che possa oscurare chi ci è vicino. Senza applicare sempre il verbo fare perché bisogna organizzare e coinvolgere.

Non ci si inganna, non si mostra soltanto il meglio di sé, ma anche quella parte che ha bisogno di attenzione perché fragile ed insicura.

Si ha bisogno di amicizia quando sì è stanchi di stare in vetrina, quando si dimenticano le battute di scena, quando non si è in grado di sintonizzarsi con il mondo.

Quando si è felici tanto da aver paura di confessarlo, quando si ha un’idea di cui essere gelosi, quando si ha bisogno di essere ascoltati, fino in fondo, profondamente e… Continua a leggere “Bisogno di amicizia”

Overanta

Cinque amiche al bar

Il mercoledì al mio paese è giorno di mercato. Solitamente io e le mie amiche ci ritagliamo un’oretta per prendere il caffè in un piccolo bar della piazza adiacente alle bancarelle e fare due chiacchiere. Come sono cambiati i tempi! In realtà il bar il mercoledì è offlimit agli uomini: gruppi più o meno numerosi di “casalingue” di ogni fascia d’età, ma in particolare “over-anta” stazionano e rumoreggiano davanti a tazze fumanti di caffè lunghi, corti, ginseng, dek e ovviamente macchiati! Continua a leggere “Overanta”