Pranzo domenicale

Io sono una persona mattiniera anche di domenica, se poi c’è un pranzo di famiglia con nonne o zii, mi metto presto all’opera per improvvisare un menu in base alla spesa del sabato.

Se fossi una vera chef, sarei quella che decide di istinto, sul momento, se poi la ricetta è complessa, poiché ritocco a modo mio per semplificare e velocizzare, sarei la disperazione di Cracco.

Butto quindi tutto all’aria, al culmine più alto di confusione…tutto è pronto, pane fatto in casa, pietanze e dolce, arrivo puntuale all’appuntamento a tavola ma… bussano alla porta: è la mia giovane e timida vicina di casa marocchina, mi offre un invitante piatto di cous cous. Non è quindi un fatto che di per sé potrebbe apparire così interessante, ma quello che mi ha colpito è stato il suo modo così riservato e gentile di avvicinarsi a me e così, dopo i miei ringraziamenti, mi ha abbracciata. In quel momento ho sentito come può essere bello sentirsi vicini ad una donna che solo apparentemente è differente per origini, cultura ed età, lo ammetto, essendo lei giovane, mi scatta anche l’istinto materno!

Noi italiani amiamo il cibo, per noi è un piacere mangiare e anche condividere, siamo orgogliosi delle nostre numerose specialità, ma sentiamo anche il richiamo della nostra memoria; si tramandano le tradizioni della regione di origine, di famiglia, i ricordi dell’infanzia e delle nonne che cucinavano. Amiamo nutrire chi è speciale per noi (a volte esagerando)  perché con il lavoro e le nostre mani trasmettiamo i nostri sentimenti.

Questa volta la mia famiglia ha assaggiato i sapori e i ricordi del nord africa.

Questa amicizia è ancora acerba, si limita a saluti, a sorrisi e a qualche dialogo ancora un po’ difficile a causa della lingua. Tuttavia ci sono stati sguardi e gesti…e un piatto di cous cous che hanno detto molto.

2 pensieri riguardo “Pranzo domenicale

  1. La narrazione di sé assomiglia al tempo della preparazione dei cibi: si mettono insieme frammenti diversi, dettagli apparentemente estranei uno all’altro, materie prime semplici ed essenziali. Poi, soltanto alla fine, ne emerge un capolavoro di sapori e persino di colori, quando si è dato a ciascun ingrediente il giusto tempo.
    Stupore e gratitudine accompagnano poi la degustazione, che comunque richiede calma e spazi dilatati, perché per saper gustare occorre tempo, preparazione, cura, ritualità, elementi che arricchiscono di significati e di riferimenti più alti, elementi semplici e soste comunque necessarie.
    Più che saziarsi, è importante “mangiare insieme”. Persino “preparare insieme” la tavola, con tempo, con cura e attenzione ai piccoli dettagli può diventare segnale e consuetudine, una modalità quotidiana di dare la necessaria attenzione ai piccoli dettagli, stile di un modo di vivere che ha cura anche di attenzioni gratuite, ma che aggiungono bellezza a ciò che è già buono.
    Gentilezza e bellezza hanno a che fare con la gratuità: ingredienti rari, talora, eppure preziosi, essenziali, per poter dare gusto al vivere. L’essenziale non indulge a sprechi, ma asseconda e persegue generosità e cura, ovvero consapevolezza e attenzione.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.